Gelosia retroattiva maschile: rimedi e consigli pratici

Molte persone tendono a soffrire di gelosia nel rapporto: ad esempio della compagna che flirta scherzosamente con un amico, del compagno o del marito che ha una collega di lavoro particolarmente attraente. Sono situazioni normali, motivate dall’evoluzione, che spinge per la conservazione della specie e quindi delle opportunità di riproduzione. Un certo livello di gelosia è quasi salutare, perché rinforza il rapporto. Ma esiste un’altra forma di gelosia, non attuale, non presente ed è quella che riguarda i partner passati. È la cosiddetta gelosia retroattiva e riguarda quasi sempre i maschi, anche se colpisce in maniera indistinte le donne.

La gelosia per gli ex della mia ragazza

Il termine più corretto è proprio questo: la gelosia retroattiva maschile è una forma di gelosia che si manifesta nei riguardi degli ex ragazzi della propria ragazza, fidanzata, moglie. Non se ne sente parlare molto spesso, ma è un fattore presente in tante dinamiche di relazione.

Secondo gli esperti, esistono almeno 3 forme di gelosia retroattiva:

  1. Una gelosia moderata, appena percettibile che è più una forma di fastidio. ogni tanto pensi ai partner avuti dalla tua ex ragazza perché è capitato che lei ne parlasse. È normale: l’innamoramento è una risposta ormonale, una cascata di ormoni come l’ossitocina che fanno sì che i nostri pensieri siano il più delle volte concentrati sul nuovo amore.

    Vuoi saperne di più della tua nuova fiamma, vuoi conoscere ogni cosa, scoprire, sai che troverai interessanti anche delle banalità. Esplorare la sua vita diventa un argomento di conversazione della relazione perché hai talmente fame di lei, che non ti limiti a vivere il presente, ma immagini il futuro, ti costruisci il suo passato a immagine e somiglianza della relazione felice che stai vivendo.

    Ma è un momento di grande confusione mentale, nel quale il raziocinio e la logica non sembrano esattamente essere i pilastri solidi su cui fondare il rapporto. Ma se ci pensi poco e in maniera non ossessiva e possessiva, allora non preoccuparti.

    È normale essere curiosi del passato di una ex e prima o poi arriva la fatidica domanda: con quanti partner sei stato/a?

  2. Una gelosia retroattiva basata sulla non condivisione dei valori. Capita spesso che la persona con cui stiamo non condivida dei valori o delle scelte di vita che a noi appaiono scontate. Ci sono ragazze che possono aver avuto molti partner prima di trovare quello giusto con cui costruire una vita insieme, e lo stesso vale per gli uomini.

    Un aspetto interessante è che quasi mai si riesce a vivere secondo determinati valori. Come si dice? Le aspettative sono molte alte, ma poi la realtà è un altro paio di maniche. Spesso questa mancata condivisione di valori, porta ad analizzare il passato con una lente molto distorta. Cioè si cercano nel passato – e nelle storie vissute allora – delle giustificazioni per il disaccordo presente, per il dissidio interno che rema contro la relazione.

    Superata la fase di innamoramento si sta insieme per una serie di ragioni, compresa la convenienza sociale ed economica. Nulla di cui scandalizzarsi, la vita di coppia è fatta di compromessi, rinunce, ma anche tante cose belle da vivere insieme.

    Se però la relazione è messa in discussione dal fatto che ci sono troppe differenze sui valori, allora o il rapporto è sbagliato, cioè poggia su presupposti fallaci, oppure sta entrando in gioco una valutazione dell’altro che non ha nulla a che vedere con la relazione stessa. Come se io volessi trovare nel comportamento passato una convalida delle mie critiche presenti.

    Allora inizi a chiederti se lei era stata così fredda anche con gli altri. Se quell’ex di cui parla sempre in modi assolutamente innocenti forse non la facesse stare meglio? Se tu non ti senta inadeguato rispetto alla vita che dice di aver sempre desiderato (difforme nei valori da quella che vive attualmente con te), magari con quell’altro ex di cui parla con nostalgia. E così via. È un vortice che rasenta l’ossessione e che dipende dallo scarto tra realtà e aspettative.

  3. La gelosia retroattiva ossessiva identificabile come un disturbo ossessivo compulsivo. In questo caso la tua mente è costantemente legata agli ex della tua ragazza. Sei disturbato dal numero di partner sessuali che potrebbe aver avuto, fantastichi (facendoti dei veri e propri film mentali) su di essi, arrivi a pensare che possa aver fatto con loro cose che non ha fatto con te.

    Praticamente usi la storia della tua ragazza per sabotare il presente. È una forma di gelosia che è estesa anche al presente perché giudichi la tua ragazza dal numero di partner e dalla qualità delle sue storie, non le perdoni delle relazioni brevi o delle scappatelle passate, sei costantemente turbato dal pensiero che il suo comportamento passato possa ripetersi nel futuro.

    In sostanza, sei talmente insicuro della relazione, della tua posizione all’interno del rapporto che finisci per distruggerlo.

    Quasi sempre attraverso il meccanismo della profezia che si auto-adempie o si auto-avvera: inizi a pensare che la tua ragazza sia una poco di buono, ti comporti da geloso ossessivo-compulsivo, le spiattelli in faccia il suo passato, la colpevolizzi e la controlli, alla fine lei si stanca di te e del tuo comportamento da malato mentale e ti lascia per un altro più normale, con cui costruire un rapporto serio.

I sintomi della gelosia retroattiva nell’uomo

Se nel rapporto (vale per entrambi i generi) senti di provare questi stati d’animo, allora soffri di gelosia retroattiva:

  1. Cerchi di saperne di più delle relazioni passate del tuo partner, ad esempio gli ex della tua ragazza su Facebook o su Instagram. Vuoi saperne di più e fai delle vere e proprie investigazioni.
  2. Vuoi sapere di più in particolare sulle esperienze sessuali, cosa ha fatto la tua ragazza con un ex, in particolare il numero dei partner con i quali ha avuto rapporti. Il pensiero ricorrente è: “la mia ragazza ha avuto molte esperienze”.
  3. Inizi a giudicare il tuo partner sulla base del numero dei partner sessuali avuti in passato. Attribuisci la mancanza di fiducia nel rapporto, basata quasi sempre su impressioni personali, alle precedenti relazioni.
  4. In particolare inizi a considerare la tua ragazza come sessualmente promiscua, aperta a relazioni di semplice natura sessuale.
  5. Durante le discussioni che sfociano in liti sei tentato di usare delle parole offensive nei suoi confronti, che in qualche modo sono collegate al numero e alla qualità dei suoi partner passati.
  6. Ti costruisci un edificio mentale basato sul suo comportamento sessuale. Una biografia della tua ragazza nella quale conta solo la quantità e la qualità delle storie passate, null’altro conta, né le sue emozioni, né la sua felicità, né i suoi progetti. Nulla. Tendi ad annullare tutto perché la giudichi esclusivamente dal punto di vista delle sue storie passate.
  7. Questi sentimenti ossessivi si rinforzano se tu, al contrario, non hai avuto lo stesso numero di partner o non hai la stessa esperienza. Il senso di insicurezza che provi non ti fa mai ritenere all’altezza, per cui tendi a sminuire qualsiasi cosa lei faccia o proponga, per non doverti confrontare con il passato.
  8. Metti in crisi il rapporto dichiarandoti non idoneo, cioè di non essere la persona giusta con lei, quando invece la relazione, pur tra alti e bassi, sembra adatta ad entrambi. E lo stai facendo solo per sottrarti al pensiero dei partner passati, inventandoti un pantheon di valori che non ti appartiene o che non era mai apparso durante la relazione.
  9. Le rinfacci praticamente ogni cosa, dal momento che giudichi il tuo universo di valori superiore al suo.
  10. Finisci per metterla in costante apprensione, portando la discussione sempre sul solito punto, fino a creare i presupposti per la separazione. Spesso con comportamenti passivo-aggressivi che hanno lo scopo di darti la possibilità di insultarla e dirle cosa ne pensi veramente.

Come uscire dalla gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva spesso comincia con pensieri intrusivi. È un pensiero che si trasforma in stato emotivo, questo porta a un comportamento, che deve sfociare in una forma di sollievo. A volte basta un insulto di natura sessuale per sentirsi soddisfatti. Entrano in gioco stati d’animo come la paura, la preoccupazione, la rabbia, il panico, l’ansia. E ovviamente a questi conseguono investigazioni, pedinamenti, tentativi di sottrarre la password per entrare su Facebook o Instagram e via discorrendo. E un circolo vizioso che si ricrea ogni volta che l’energia viene dissipata con un insulto, una lite, una prova d’amore da parte della partner.

Per rompere questo circolo vizioso bisogna intervenire alla radice, cioè al momento in cui subentrano i pensieri intrusivi.

Mettiti nei panni della tua ragazza tanto per iniziare, lei pensa: ci sto bene, ma il mio ragazzo è geloso del mio passato.

Cioè, a conti fatti, di qualcosa che lei si è già messa alle spalle e che tu, con il tuo comportamento sbagliato, le stai facendo rivivere.

Se non riesci ad accettare il passato della tua ragazza come puoi pensare di costruirci un futuro? Se il passato della tua ragazza ti fa stare male, addirittura arriva a farti schifo, fino ad ergerti in una posizione di censore (a un passo dal disastro) come pensi di affrontare il problema?

Non esiste la macchina del tempo che ti consente di cancellarlo. Devi lavorare su te stesso. Sul tuo sistema di valori. E su cosa pensi sia importante adesso.

È un problema di autostima, di scarsa convinzione in sé stessi, della paura di essere lasciati. La cosa migliore da fare è osservarsi dall’esterno e chiedersi: quello che sto facendo ha basi fattuali? Sono convinto che lei potenzialmente mi tradisca?

Non hai bisogno delle sue risposte perché, se ci pensi bene, possono portare solo a un’unica risposta, cioè NO. Che ti tradisca o che non lo faccia la prima risposta sarà sempre quella. Tanto vale domandarsi se quello che stai pensando non sia frutto di una eccessiva immaginazione, di un film mentale.

Nei casi meno complicati, di leggero fastidio, devi semplicemente lasciar perdere e goderti la relazione, soprattutto nelle fasi dell’innamoramento. Una ragazza, a meno che non abbia seri problemi di tipo comportamentale, non sta con un piede in due staffe se è innamorata e ti vuole bene.

Lavora comunque sulla tua autostima, fatti trascinare dalla relazione. I segnali di un matrimonio che finisce o di una relazione che va a rotoli in genere sono altri e non prescindono dall’immaginazione e dal passato, ma dai comportamenti presenti.

Libri consigliati:

I libri consigliati contengono link a pagamento verso Amazon, realizziamo piccola commissione senza costi per te.

Gelosia retroattiva maschile

di Salvatore Nizzolino (ed. Psiconline), in formato E-book e Cartaceo questo libro aiuta a capire come convivere, accettare e combattere la gelosia retroattiva, facendo pace con il passato della partner.

Con esercizi pratici che aiutano a superare il problema.

Ultimo aggiornamento 2024-05-23 / Contiene link di affiliazione, guadagniamo una piccola % su acquisto valido / Immagini da Amazon Product Advertising API

Relazioni tossiche

di Fabrizio Gaoni – manuale dedicato alle relazioni tossiche da sanare, nelle quali la gelosia del presente e del passato la fa da padrona.

Aiuta a combattere la dipendenza affettiva, e tutte quelle forme autodistruttive di comportamento che conducono alla fine della relazione.

Ultimo aggiornamento 2024-05-23 / Contiene link di affiliazione, guadagniamo una piccola % su acquisto valido / Immagini da Amazon Product Advertising API

Sei una ragazza e vuoi fargli superare la gelosia sul tuo passato?

Lo amo e voglio passare il resto della mia vita con lui, ma la situazione è peggiorata a tal punto che non vuole più stare con me e ha chiesto una pausa perché il mio ragazzo è geloso del mio passato, che cosa assurda! Sono incredibilmente triste e sconvolta e non so come affrontarlo. Non posso cambiare il passato anche se vorrei. Negli ultimi anni sono maturata molto. La persona che lui ama non è la persona che ero 5 anni fa“.

Questa è una testimonianza presa dal web. Come ragazza sicuramente ti sarai accorta del suo comportamento e forse ti sei pentita di esserti aperta sul tuo passato. È normale. La tua fiducia e maturità non viene corrisposta.

Ma come in tante altre cose, se credi nella relazione e nel rapporto, se ti piace stare con lui, e pensi che sia quello giusto (o lo sia sempre stato), devi aiutarlo.

La prima cosa da fare è che lui deve capire che è un problema e non un pensiero normale. Solo così lui può conviverci, accettare questa condizione ed eventualmente “guarire”.

Non è necessario soccombere, né sottomettersi alle prove d’amore, che prima o poi sorgono, nel tentativo suo di scatenare la tempesta. La sua insicurezza nasce anche dal fatto che il pensiero opprimente non gli fa godere a pieno quello che gli dai tu, in termini di affetto, intimità e compagnia.

Anzitutto non accettare insulti: una volta insultata quella è la linea rossa che non si travalica più. Altrimenti la rottura è certa.

Lui deve rendersi conto del problema, altrimenti non c’è un lieto fine.

Se ammette che ha un problema, e in tanti fortunatamente se ne rendono conto, deve portare una soluzione. Non può accontentarsi di essere retroattivamente geloso per tutta la vita, anche perché tu ne soffri. E deve capire che per te questo è un nervo scoperto.

Ti fa stare male, punto e basta.

Il consiglio poi è di lasciare a lui il pallino del gioco. Deve chiudere la questione o tornare al tavolo con una soluzione in mano, buona per entrambi. Un piano per risolvere il problema che non faccia ricadere la colpa sulle tue spalle, o che ti faccia assumere un senso di colpa che non dovrebbe nemmeno esistere.

© Riproduzione Riservata

15 commenti su “Gelosia retroattiva maschile: rimedi e consigli pratici”

  1. Anche io sono arrivato al punto di pensare che il passato della mia ragazza mi facesse troppo schifo, ma pian piano sto capendo che è un problema mio, esagerato.

    Rispondi
  2. Salve e grazie per l’articolo, sono da poco in una bellissima relazione e fin’ora, anche se con un paio di bassi, è stata magnifica.
    Lui mi aveva confessato la sua gelosia retroattiva e mi aveva detto che ci stava lavorando da molto ed era riuscito a fare dei grandi passi avanti a riguardo, riuscendo oltretutto a dirmi che “avrebbe ascoltato anche delle mie storie del passato perché era grazie a loro che io sono così”…fino a ieri, quando, accennandogli casualmente ad una storia passata, lui si è trasformato ed ha iniziato con tutti i comportamenti e parole sopra descritte.
    All’inizio sono stata dispiaciuta ed ho avuto una crisi perché mi sentivo in colpa di aver innescato quella sofferenza, quei sentimenti, oggi però sono arrabbiata ed affranta per tutto quello che mi ha detto.
    Io non voglio che finisca perché fin’ora ho conosciuto l’altra parte di lui che sto imparando ad amare, ma lui sta iniziando ad allontanarmi perché non vuole ferirmi e star male e, a suo dire, quando la porta si apre, per lui è difficile richiederla.
    Per me è tutto nuovo e, anche se non sono disposta a farmi insultare o altro, vorrei riuscire a trovare il modo di disinnescare.
    Dalle 3 descrizioni, mi sembra di riconoscere in lui il 3° tipo di gelosia retroattiva, quindi mi chiedo: cosa posso fare per aiutarlo a disinnescare? Quale comportamento dovrei attuare quando sfocia in una fase come questa?
    Grazie infinite per l’eventuale attenzione e buon lavoro.

    Rispondi
  3. Io invece ho visto le foto intime con un suo ex e non era un fidanzato ma uno che vedeva in discoteca per fare sesso…non riesco a cancellare queste immagini e desiderarla

    Rispondi
  4. La mia compagna ha avuto 3 ex e io non riesco ad accettarlo perché conoscendola so che non sono state semplici avventure. Non credo che una donna possa amare più di un uomo realmente nella vita. E dico amare. Non altro. La cosa mi tormenta e non riesco ad accettarla.

    Rispondi
  5. è una questione di esclusività/possessività di un uomo molto innamorato o semplicemente maschilista…però l’evoluzione/involuzione porta in tal senso. 70anni fa la moglie doveva arrivare illibata al matrimonio, nel mondo arabo è ancora cosi’. Se la cosa diventa problematica per una relazione meglio lasciare anche se tutti gli uomini sono così

    Rispondi
  6. Il mio compagno ha lo stesso problema. Non perde occasione per rimproverarmi di una mia avventura passata, passata da tantissimi anni, quando ancora non ci conoscevamo. Dice che il solo pensiero che io possa avere avuto rapporti orali con altri lo blocca e non riesce più ad avere un’intimità con me. Da quando viviamo insieme sono peggiorate le cose, se passiamo una domenica serena, alla sera gli vengono gli attacchi di gelosia. Un po’ come se dovesse punirmi/punirmi di aver trascorso momenti felici insieme, come se più stiamo insieme, più si affeziona e più si ingelosisce. Non so veramente come comportarmi. Trattasi di un uomo molto intelligente, molto colto e molto sensibile

    Rispondi
  7. Ho un problema, il mio ragazzo è geloso retroattivo e non so come aiutarlo. Non lo voglio lasciare ma ha dei comportamenti molto spiacevoli. Pensa solo alle cose passate è una fissazione, non riesco a parlare neanche quando succede, cerco di cambiare discorso, ma lui ritorna sempre.
    Dice che mi vuole lasciare in continuazione, fa minacce, mi tratta malissimo. Io non so come fare come aiutarlo, sembra sempre sul punto di esplodere è aggressivo, mi offende, mi fa domande in continuazione vuole sapere tutto, vuole che gli racconto tutto. Gli ho detto io che ha questo problema e lui sembra non fregarsene e mi dice che non vede l’ora di trovarne un’altra migliore di me. Poi facciamo ma dopo due ore ritorna a essere geloso cronico, quando è normale e la persona più bella del mondo. È molto frustrante
    Come posso fare?

    Rispondi
  8. Vorrei lasciare un commento, ma visto la data dell’ultimo commento…ho paura che non lo leggerete e non avrò la risposta. Sono adesso coinvolta in una relazzione dove il partner è diventato ossessionato dalla gelosia retroattiva. Avrei voglia di condividere miei problemi per avere un aiuto come aiutare il partner e salvare la relazione.

    Rispondi
    • Ciao anche io sono ossessionato dal passato del mio partner. Sono geloso dei suoi rapporti precedenti, se vedo una vecchia foto sul suo cell sto male e mi sale l’ansia. L’amo da morire, e questa cosa mi distrugge perché sta rovinando il nostro rapporto.

      Rispondi
    • Ciao, io sono marito con gelosia retroattiva. Scambiando le nostre esperienze e punti di vista, da uomo a donna, magari riusciamo a capire. Se ti va, anche in pvt

      Rispondi
  9. Salve, Ho letto il vostro articolo e Mi ricordo purtroppo Al 101%, questo Mi strazia molto perchè va be, si può immaginare il perchè.
    Ho sofferto molto per via di un tradimento Durante la Mia prima relazione in assoluto, Ed Ho iniziato a soffrire un Po di questo disturbo Ma in maniera molto lieve.
    La Cosa peggiore è Che si è riprrsentato Anni dopo, con la Mia Ultima relazione/non relazione.
    Ho sofferto davvero tanto, davvero.
    Questo fastidio è iniziato nell’ultima relazione, da quando la ragazza con cui credevo di avere un rapporto di cuore/coppia” Mi ha raccontato probabilmente per liberarsi Dal senso di colpa, di essere andata a letto più di Una Volta con l’amico del suo Ultimo fidanzato “perchè erano entrambi tristi”.
    Inizialmente ero stato comprensivo, Ma poi Ho iniziato a tirar fuori i suoi principi Totalmente devastanti per un rapporto di coppia.
    Ho provato più Volte a lasciarla dato Che soffrivo Ma in Qualche Modo Mi ha sempre convinto a far Marcia in dietro, chiedendomi di avere fiducia e Che solo se io le davo fiducia, potevo essere tranquillo.
    Bhe, l’ho fatto, Ma poi scoprivo Che era a Casa di quel fatidico Amico dell’ex, solo per studiare…diceva Lei,Ma non potevo saperlo, ma Lei ripeteva Che dovevo essere tranquillo perchè lui ormai aveva Una Vera relazione e aveva interroto con Lei il “Divertimento” Cosa, Che per me se si è Amici, non esiste andare a letto, Ma lascamo perdere.
    Le chiedevo se per Lei fosse finita quel desiderio di divertirsi con lui e Lei risponeva Che dovevo essere tranquillo Che Al momento lui era fidanzato Ma Che non conosceva il futuro come poteva andare.
    Quindi potete capire bene Che quella persona è Totalmente disfunzionale per relazioni.
    Poi tirò fuori Che lei era a favore delle coppie aperte o Poligame, quindi ancora di più cresceva in me quella rabbia, e da Li Sono iniziato Lori sempre peggiori in cui non perdevo occasione per screditarla e Mi sentivo appagato solo Ma anche triste solo quando la vedevo piangere.
    Finite le sie lacrime da coccodrillo Lei tornava Fon le sue minchiate, era un Loop Che si ripeteva ogni die tre giorni, sembrava Che Lo faccesse intenzionalmente, tutte le Volte Che si stava bene come Una coppia normale r Felice, Lei tirava fuori argomenti Che sapeva avrebbero innescato in me reazioni Che rovinavano il Momento.
    Alla fine Di tutto per dimostrare quanto Lei tenesse a me e Alla profondità Che avevo nella sua Vita, detto da Lei questo, Mi presentò alle sue sorelle “Parte estremamente importante per Lei diceva” e Che da Li doveva farmi capire quanto importante fossi.
    Nulla Alla fine è andata con un altro, probabilmente Lo faceva anche mentre stavamo assieme, Mi chiese di darle tempo Che era confusa Che non voleva perdermi e cazzate da **** le concessi questo tempo e il giorno stesso la vidi per strada con “l’amico del suo ex”, poi un giorno Mi disse Che non stava bene, andai da Lei e quando ci vedemmo, non solo Mi baciò come sempre, Ma le vidi anche un succhiotto sul collo.
    In sostanza, io soffri di STA merda e vorrei vincerla, Ma la relazione era davvero tossica.
    La Cosa Che Mi faceva rabbia di Lei non era l’errore fatto in passato “anche se sapevo Che se è accaduto Una Volta,anzi più di Una Volta, continuerà ad accadere, sino a quando davvero non ci si lebte e si capisce il danno fatto”, la Cosa Che Mi dava più rabbia ancora oggi se ci penso è Che lei lavora nel sociale, perchè voleva prenderei Cura delle Persone Che avevano Problemi sociali e cuori infranti perchè magari erano solo Al mondo ecc. Questo ricordo Che l’ho rinfscciato un sacco di voltee Lei non aveva nessuna reazione, reagiva solo quando le dicevo Che aveva amicizia bastarde.
    I suoi amici la spingevano a tradirmi, ricordo Che Mi disse Una Volta.
    Assurdo.
    Cmq scusate Lo sfogo Ma non riesco a sorpassare STA Cosa…come potrei fare?
    Grazie per la pazienza

    Rispondi
    • Se non hai fiducia il rapporto è molto complicato.

      Non so quanto sia giovane tu, ma probabilmente ti serve un po’ di esperienza. Capire che anche per le donne la sessualità è una scoperta. Non devi vederle come “esseri puri”. È plausibile e normale che una ragazza, giovane, voglia scoprire la propria sessualità, dar sfogo agli istinti esattamente come fa l’uomo.

      Una volta che capisci questo meccanismo, ripeto, perfettamente normale, potresti apprezzare dei lati molti interessanti di lei e lei sentirsi molto più attratta da te per la considerazione che ha di lei.

      Devi considerare che è solo una questione di esperienza. Le donne non si comportano allo stesso modo e nulla dice che la seconda si comporterà come la prima. Anzi, in linea teorica, la prima esperienza dovrebbe servirti per imparare. E devi ragionare a mente fredda che, se anche l’ami, se non funziona per un qualsiasi motivo, ti servirà da esperienza. Ma l’esperienza che devi trarre non è quella che le donne tradiscono, ma la più semplice di tutte: che anche alle donne piace il sesso e prima lo capirai, prima troverai quella perfetta per te.

      Rispondi

Lascia un commento